giovedì 22 febbraio 2018

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (22 - 28 FEBBRAIO)


Ha annunciato che questo sarà il suo ultimo film, ma ogni cinefilo in cuor suo spera tanto che sia una fake news... certo è che vedere Daniel Day-Lewis diretto (di nuovo) da Paul Thomas Anderson crea un hype difficilmente sostenibile... un evento che fa passare quasi in secondo piano l'uscita di The Disaster Artist, pellicola irriverente e (pare) genialmente fuori di testa firmata da James Franco (e boicottata in patria per l'ennesimo scandalo a luci rosse che - sempre pare - ha coinvolto il suo regista).

C'è spazio anche per due film italiani, che provano a fare capolino in calendario denso di proposte: se da Sconnessi non ci aspettiamo null'altro che una commedia dignitosa, è lecito riporre buone aspettative su Figlia mia di Laura Bispuri, in concorso a Berlino e pronto a consacrare definitivamente la sua regista, dopo il bell'esordio con Vergine Giurata.

lunedì 19 febbraio 2018

BOX OFFICE (15 - 18 FEBBRAIO 2018)

In America non avrà forse "sfondato" come sperava, ma da noi Gabriele Muccino si conferma uno degli autori più amati dal pubblico, in particolar modo quello femminile. Il primo weekend di A casa tutti bene è stato trionfale: 3,4 milioni di incasso, primo posto assoluto (battendo anche Cinquanta sfumature di rosso) con oltre 6mila euro di media/schermo. Non male neanche il debutto de La Forma dell'Acqua di Guillermo Del Toro, risposta "romantica" e autoriale ai due colossi: i 5mila euro di media per sala fanno ben sperare in vista degli Oscar...

Particolare non di poco conto: i dati (ottimi) di questa settimana confermano che quando l'offerta cinematografica è ricca e variegata, gli spettatori aumentano. I grandi blokbuster fungono infatti da traino per tutte le altre pellicole, tutte con segno positivo. Lo capiranno i nostri distributori?

sabato 17 febbraio 2018

LA FORMA DELL'ACQUA

(The Shape of Water)
regia: Guillermo Del Toro (Usa, 2018)
cast: Sally Hawkins, Doug Jones, Michael Shannon, Richard Jenkins, Octavia Spencer
sceneggiatura: Guillermo Del Toro, Vanessa Taylor
fotografia: Dan Laustsen
scenografia: Paul D. Austerberry
montaggio: Sidney Wolinsky
musiche: Alexandre Desplat
durata: 119 minuti
giudizio: 

trama:  In piena Guerra Fredda una ragazza muta e complessata, addetta alle pulizie in una base militare americana, s'innamora di uno strano essere acquatico tenuto segretamente prigioniero dalle autorità governative...

mercoledì 14 febbraio 2018

ANDIAMO AL CINEMA - LE USCITE DELLA SETTIMANA (14 - 21 FEBBRAIO)


Nella settimana di San Valentino diversi titoli "anticipano" l'uscita al mercoledì proprio in occasione della Festa degli Innamorati. Due su tutti, simbolicamente diversi nell'affrontare il sentimento: da una parte la tenera e struggente favola di Guillermo Del Toro, premiata a Venezia, contrapposta alla rissosa e urlante famiglia mucciniana, che alza sempre più in alto il livello della nevrosi (e forse anche della tolleranza...)

martedì 13 febbraio 2018

ORE 15:17 - ATTACCO AL TRENO

(15:17 to Paris)
regia: Clint Eastwood (Usa, 2018)
cast: Spencer Stone, Anthony Sadler, Alek Skarlatos
sceneggiatura: Dorothy Blyskal
fotografia: Tom Stern
scenografia: Kevin Ishioka
montaggio: Blu Murray
musiche: Christian Jacob
durata: 94 minuti
giudizio: 

trama:  Il 21 agosto 2015 tre ragazzi americani in vacanza riescono ad immobilizzare un terrorista a bordo del treno Amsterdam-Parigi, salvando la vita a tutti i viaggiatori.

lunedì 12 febbraio 2018

BOX OFFICE (8 - 11 FEBBRAIO 2018)

Incasso-monstre (e come dubitarne?) per le Cinquanta sfumature di rosso, che portano a casa quasi sei milioni di euro in quattro giorni e lasciano la concorrenza a distanza siderale.

Reggono soltanto due veterani di Hollywood come Steven Spielberg e Clint Eastwood (quest'ultimo praticamente senza alcun lancio pubblicitario) mentre tutti gli altri... hanno dovuto fare i conti con Sanremo, e si vede!

giovedì 8 febbraio 2018

ANDIAMO AL CINEMA (8 - 13 FEBBRAIO)


Nella settimana del Festival di Sanremo poche le uscite di spessore al cinema. Fa eccezione il "grande vecchio" Clint Eastwood, pronto a sfidare le canzonette in riviera con un film, al solito, duro e convincente (basato su un fatto realmente accaduto, il fallito attacco terroristico a un treno francese). Arriva in sala anche Cinquanta sfumature di rosso, ultimo capitolo tratto della celebre trilogia erotica di E.L. James, probabile campione d'incassi, e ben tre film britannici di qualità... tutto sommato poteva andare molto peggio!

martedì 6 febbraio 2018

THE POST

(id.)
regia: Steven Spielberg (Usa, 2017)
cast: Tom Hanks, Meryl Streep, Bob Odenkirk, Bruce Greenwood
sceneggiatura: Liz Hannah, Josh Singer
fotografia: Janusz Kaminski
scenografia: Rick Carter
montaggio: Michael Kahn, Sara Broshar 
musiche: John Williams
durata: 118 minuti
giudizio: 

trama:  Nel 1971 una "fuga di notizie" dal Pentagono consente al New York Times di pubblicare in esclusiva dei documenti segreti (e riservati) in cui si evincono le responsabilità di quattro presidenti americani (Truman, Eisenhower, Kennedy e Johnson) nel voler proseguire l'inutile e perdente guerra nel Vietnam. Il giornale però è costretto a ritrattare a seguito di provvedimenti dell'autorità giudiziaria. Tre mesi dopo un altro giornale, il Washington Post, per mezzo del suo direttore Ben Bradlee e della sua editrice Katharine Graham, rimetterà mano ai documenti sfidando di fatto il potere giudiziario, in nome della libertà di stampa. 

lunedì 5 febbraio 2018

BOX OFFICE (1 - 4 FEBBRAIO 2018)

Spielberg leader scontato del botteghino settimanale, ma continua a tenere benissimo Chiamami col tuo nome, che mantiene un'ottima media schermo (anche se le sale in cui viene proiettato sono, purtroppo, sempre molto poche...).

Discreto anche l'esordio di Sono tornato, al terzo posto assoluto: non male, in considerazione del tema piuttosto "difficile" di cui tratta.

sabato 3 febbraio 2018

SONO TORNATO

(id.)
regia: Luca Miniero (Italia, 2018)
cast: Massimo Popolizio, Frank Matano, Stefania Rocca, Gioele Dix, Eleonora Belcamino, Ariella Reggio
sceneggiatura: Luca Miniero, Nicola Guaglianone
fotografia: Guido Michelotti
scenografia: Tonino Zera
montaggio: Valentina Valiani 
musiche: Pasquale Catalano
durata: 100 minuti
giudizio:

trama:  Benito Mussolini si ritrova catapultato (letteralmente) nell'Italia di oggi, mentre lui pensa di essere ancora nel 1945. Scambiato per un attore, viene "ingaggiato" da un regista per un documentario su se stesso, che lo porterà a girare in lungo e in largo il paese, dove continuerà ad esporre tranquillamente le sue idee totalitarie, diventando un vero e proprio fenomeno mediatico...